Pulire il sensore della reflex


Come rimuovere le macchie di polvere e sporco su ogni scatto. Impariamo a pulire il sensore della nostra Reflex. Pulire il sensore della reflex può farci risparmiare tempo con Photoshop, ma se non ce la sentiamo possiamo rivolgerci a un servizio professionale di assistenza.

Pulire macchie e polvere dal sensore

I fotografi combattono contro la polvere dagli albori della storia della fotografia, dalle particelle in sospensione nella camera oscura agli odierni microscopici granelli sul sensore.

Con la camera oscura di oggi, gli strumenti di Photoshop, si possono annullare in fretta la presenza di macchie, ma per chi non vuole perdere tempo al computer per pulire sensore può eseguire questo semplice procedimento.

Anche se la nostra reflex digitale si pulisce da sola, anche se noi siamo attentissimi quando cambiamo obiettivo, prima o poi un granello di polvere si andrà a posare sul sensore della nostra reflex.

Imparare a pulire e curare da soli il sensore della reflex, ci eviterà di perdere tempo a rimuovere digitalmente le macchie. Toccare il sensore fa paura, sembra un lavoro riservato ai professionisti, ma non è affatto difficile.

Kit pulizia sensore Reflex

Per prima cosa per poter pulire il sensore della reflex bisogna bloccare lo specchio.

Per bloccare lo specchio e accedere al sensore, controlliamo che la batteria sia carica e cerchiamo nel menu l’opzione “Blocco dello specchio” o “pulizia”. Procurarsi un kit per la pulizia del sensore e averlo sempre pronto per qualsiasi evenienza. In commercio se ne trovano di vari tipi a prezzi abbordabili.

Se abbiamo una lente monoculare, usiamola per ispezionare il sensore a caccia di polvere. Soffiare via i granelli di polvere usando un pennello a soffietto.

Cosa non usare

Non usiamo invece aria compressa perché lo spray potrebbe lasciare residui sul sensore. Passiamo poi con delicatezza un pennello antistatico, come l’Arctic Butterfly, per eliminare i granelli più resistenti.

Per la polvere incrostata, in alcuni casi è possibile usare un tampone umido controlliamo le istruzioni. Prima di cominciare, realizziamo uno scatto di prova per vedere se c’è ancora polvere, altrimenti saltiamo il passaggio: vale la pena solo se davvero necessario.

Verifichiamo il risultato chiudiamo lo specchio e rimontiamo l’obiettivo. Fotografiamo un cartoncino bianco di prova, con diaframma chiuso.

Apriamo lo scatto in Photoshop, clicchiamo su Livelli Automatici e controlliamo che la polvere se ne sia andata, altrimenti, ripetiamo il procedimento finche la polvere sarà sparita.